Architettura e design di siti web

WEB DESIGN ETICO

Quando pensiamo al design etico di siti internet, applicazioni e più in generale di applicazioni digitali, ci troviamo di fronte alla consapevolezza (acquisita con la formazione) che ogni scelta di web design è una decisione presa a favore di altre persone, quelle che chiamiamo abitualmente “utenti finali”. Come creatori di architetture utilizzate da persone di tutto il mondo, è nostra la responsabilità riflettere attentamente sul modo in cui le nostre scelte possono avere un impatto sulle persone che si trovano all’altro estremo della comunicazione. Anche decisioni piccole e apparentemente insignificanti possono avere implicazioni enormi dall’impatto imprevedibile; l’etica può contribuire a garantire la longevità di un modello di comunicazione e aiutarci a tracciare percorsi verso un futuro migliore per tutti.

 

Affrontiamo quindi ogni progetto di web design attenendoci a regole etiche precise e ogni volta che inizia un nuovo progetto ci chiediamo:

  1. Quale contesto ed esperienza desideriamo costruire per i visitatori? Quali sono le competenze e le nuove capacità che garantiamo o rendiamo possibili?
  2. Che tipo di persona scegliamo di essere con queste scelte, e, soprattutto, è davvero il modello di persona che aspiriamo a diventare?
  3. Altre persone nella nostra posizione di scelta prenderebbero la stessa decisione di design? Stiamo rispettando i doveri e la diligenza che le persone si aspettano dalla nostra web agency?
  4. Quali conseguenze comporta la nostra decisione? Questa scelta di design, di architettura o di navigazione può essere ritenuta sostenibile e renderà migliore la vita di tutti gli stakeholder?

 

Questo approccio ci aiuta a prendere decisioni con più facilità e con maggior consapevolezza, permettendoci allo stesso tempo di trovare velocemente una risposta, non solo alle domande più comuni da porsi su “cosa”, “come” e “perché” fare web design, ma anche a quesiti importanti per la collettività come, ad esempio, “a quale scopo” e “per valorizzare quali interessi” abbiamo deciso di realizzare un determinato sito web.

Nel tempo, le piattaforme che sono state studiate per intrattenerci e per informarci, hanno gradualmente indotto le persone a confondere il reale con l’inesistente. I social media, che dovevano permetterci di comunicare nel rispetto di una condivisione costruttiva, hanno creato divisioni nette di pensiero e odio reciproco, spesso senza motivazioni legittime.

Noi ci siamo chiesti – in concreto – chi siamo e dove vogliamo andare, come affrontare le responsabilità di comunicazione, quali decisioni prendere e quali conseguenze attendersi e abbiamo capito che vogliamo contribuire alla costruzione di qualcosa di più maturo di un semplice sito web.

Vogliamo introdurre l’etica nel web design, non inteso solo in modo restrittivo come design di elementi digitali per il web, ma anche come professionalità di back-end development, information architecture, content strategy, UX e UI design, Content creation.

 

Nei progetti di design ci lasciamo ispirare dai principi di consequenzialità:

  1. Perseguire l’incremento di utilità per tutti e massimizzare l’utilità per la maggioranza degli utenti
  2. Prevedere protezioni adeguate per chi può ricevere disvalore da una decisione di design
  3. Essere pronti a gestire risultati inattesi
  4. Favorire lo sviluppo incrementale e migliorativo piuttosto che soluzioni definitive.
  5. Rispettare le regole esistenti, le best practices e le linee guida. In mancanza di regole, mantenere fede ai principi etici di reciprocità e di azione